SOSPENSIONE DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI E MISURE ECONOMICHE A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE

Con l’intenzione di offrire un aiuto facilitandone la comprensione, abbiamo provato a riassumere per punti le misure secondo noi più concretamente applicabili alla cittadinanza in fatto di sospensione degli adempimenti fiscali e di contributi, varate negli ultimi giorni.

Misure urgenti per la solidarietà alimentare:

Il Ministero dell’Interno, entro il 31 Marzo, metterà a disposizione dei Comuni somme immediatamente spendibili per distribuire alle famiglie in difficoltà buoni spesa o generi alimentari e beni di prima necessità.

I Servizi Sociali del Comune individueranno i nuclei famigliari beneficiari, dando priorità a chi non sia già assegnatario di sostegno pubblico.

Al Comune di Briosco è stata assegnata la somma di 32.222,91 euro, che potrebbe essere successivamente integrata, come stabilito dall’Ordinanza della Protezione Civile.

Congedo parentale straordinario Decreto Cura Italia: quanto dura e a chi spetta

Il nuovo strumento giuridico del congedo parentale straordinario spetta alternativamente ad entrambi i genitori, per un totale complessivo di 15 giorni. Operativo dal 5 marzo 2020 spetta ai:

• dipendenti del settore privato (art. 23 Decreto-Legge 18/2020) e pubblico (art. 25 Decreto-Legge 18/2020)

• lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, co. 26 della L. n. 335/1995

• per le lavoratrici autonome iscritte all’INPS che abbiano già raggiunto il limite previsto dalla normativa sul congedo parentale (3 mesi per minori di 1 anno di età)

• per i lavoratori autonomi iscritti all’INPS a cui non è riconosciuta la tutela del congedo parentale

• possono aderire al congedo parentale i genitori (e affidatari) per i figli fino ai 12 anni (con retribuzione al 50%) oppure con figli fra i 12 e i 16 anni (a retribuzione “zero”).

Premio lavoratori dipendenti

Per i lavoratori dipendenti con un limite di reddito ad euro 40.000 spetta un premio di 100,00 euro rapportato ai giorni di lavoro svolti presso la propria sede (rapporto ai giorni ancora da confermare).

Stop ai licenziamenti

È precluso l’avvio di procedure di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (ergo motivazioni economiche).

Sospensione rate mutuo

Il decreto cura Italia ha rifinanziato il fondo di solidarietà per la sospensione dei mutui che in generale prevede:

la possibilità di sospendere le rate dei mutui prima casa, accedendo al Fondo Gasparrini, al quale potranno far ricorso anche i liberi professionisti e i lavoratori autonomi che abbiano avuto una riduzione del fatturato pari ad almeno il 33% e i lavoratori dipendenti che abbiano avuto una riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni.

Il Fondo consente la sospensione dell’intera rata per un periodo massimo di 18 mesi e il rimborso del 50% degli interessi maturati durante il periodo di sospensione. Per dare piena operatività alle richieste di adesione sarà necessario attendere le disposizioni attuative in corso di emanazione da parte del Ministero.

Tuttavia tanti istituti di credito stanno avviando politiche di sospensione dei mutui prima casa anche senza la presenza dei requisiti richiesti dal dettato normativo. Per cui il consiglio, in caso di necessità, è quello di contattare ugualmente il proprio istituto di credito per valutare con lo stesso eventuali misure agevolative a prescindere da quanto indicato dal decreto.

Sospensione degli adempimenti fiscali e dei termini dei versamenti

Su proposta del Presidente Attilio Fontana di concerto con l’Assessore Davide Carlo Caparini, la Giunta Regionale ha approvato la DGR n. 2965, avente come oggetto “l’Emergenza epidemiologica da Covid-2019 “coronavirus” – Determinazioni in merito alla sospensione degli adempimenti fiscali e dei termini dei versamenti relativi ai tributi direttamente gestiti dalla regione scadenti nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020”. 

Il provvedimento prevede per i contribuenti residenti o aventi la sede legale o la sede operativa nel territorio delle Regione Lombardia:

• in convenzione con l’Agenzia delle Entrate, la sospensione degli adempimenti tributari e i termini dei versamenti nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020 che dovranno essere versati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020

• sospensione della riscossione della rate in scadenza tra il 31 marzo 2020 e il 31 maggio 2020 dei debiti tributari e delle rateizzazioni in essere con concessionario Publiservizi srl, purché si proceda al pagamento delle rate residue, con cadenza mensile, a decorrere dal 30 giugno 2020.

Le 600 euro per il mese di marzo spettano a:

• partite iva e co.co.co iscritti alla gestione separata INPS

• lavoratori autonomi iscritti alla gestione INPS artigiani e commercianti

• lavoratori del turismo e degli stabilimenti balneari

• lavoratori agricoli operai a tempo determinato

• lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni dei lavoratori dello spettacolo.

L’INPS ha chiarito che le domande per ottenere l’indennita’ di 600 euro saranno presentabili dal 01.04.2020. L’INPS ha previsto che per compilare la domanda sia sufficiente la prima parte del pin ricevuta al momento della richiesta, o in alternativa lo SPID.